Russia: polemiche per la distruzione dei prodotti da embargo Magazine I.R.A.

I NOSTRI ASSOCIATI

Gastaldi & Partners

13 Ott , 2017
La GASTALDI & PARTNERS svolge da anni le sue attività di consulenza nel settore del Real Estate residenziale e commerciale su un territorio concentrato nella Riviera dei Fiori, Basso Piemonte, Costa Azzurra e Monte Carlo. Dopo aver esercitato per molti anni la professione in modo tradizionale, ...

Garden Immobiliare

GARDEN IMMOBILIARE di PEBE SRL è un’agenzia immobiliare da anni sinonimo di serietà e compet...

La più importante azienda di domotica Shineforce entra nelle Nostre case

Entra a far parte di I.R.A. l’azienda del Friuli Venezia Giulia, Microforce Systems s.r.l., ...

Costruzioni Stamera Srl – Associata IRA per la sponda bresciana del Lago di Garda

La Costruzioni Stamera S.r.l. entra a far parte del network di Italian Russian Association, portando...

IMT – Real Estate: nuova associata I.R.A. a Mosca

La Società IMT – REAL ESTATE è un team di professionisti specializzati, in grado di offrire...

L’Agenzia Immobiliare La Casa Bianca è la nuova associata I.R.A. per i colli e le terme euganee

Si è da poco unita al network di I.R.A. l’Agenzia Immobiliare La Casa Bianca, fondata e gesti...

STAGR Company Group – associato I.R.A. a Mosca

La società STAGR Company Group con sede a Mosca è un gruppo di aziende, a servizio del professioni...

Ufficio stampa

Russia: polemiche per la distruzione dei prodotti da embargo

14 Giu , 2016  

E’ polemica in Russia per via della decisione del governo, approvata dal Cremlino, di distruggere i prodotti agroalimentari importati nel Paese, in violazione dell’embargo varato da Mosca in risposta alle sanzioni occidentali per la crisi ucraina.

La misura è stata voluta dal ministro dell’Agricoltura, Aleksandr Tkachev, e poi approvata dal presidente Vladimir Putin, che ha firmato un decreto, secondo il quale i prodotti banditi verranno distrutti a partire da domani. A decidere sul sequestro e l’immediata distruzione delle merci saranno: il Servizio federale delle dogane, Rosselkhoznadzor e Rospotrebnadzor, i due enti che controllano rispettivamente la qualità dei prodotti agricoli e i diritti dei consumatori. A quanto scritto il 3 agosto dal quotidiano Kommersant, che cita una fonte nel ministero dell’Agricoltura, i prodotti embargati entrati nella Federazione saranno distrutti anche dentro i confini russi e non solo alla frontiera. A detta del quotidiano, le autorità russe nelle prossime settimane possono avviare ispezioni nei magazzini e nelle attività commerciali su tutto il territorio federale. La misura è stata fortemente criticata sia dalla politica che dalla società civile e dalle comunità religiose. Il quotidiano Vedomosti ha scritto che la distruzione di prodotti alimentari in un Paese che, nel corso della sua storia, ha sofferto spesso la fame e la carestia “solleva molti problemi etici”. Il deputato Andrei Krutov ha proposto al governo di non distruggere le merci ma inviarle nell’est dell’Ucraina, dove è in corso il conflitto tra separatisti filorussi e forze governative. Il Consiglio per lo sviluppo della società civile e i diritti umani ha fatto notare che i prodotto alimentari potrebbero essere consegnati a orfanotrofi o case per anziani. Dal canto suo, il presidente della Federazione delle comunità ebraiche della Russia, Aleksandr Boroda, ha proposto di dare in beneficenza a orfanotrofi e senza tetto le merci destinate alla distruzione. “Crediamo che dare i beneficenze ai bisognosi i beni sequestrati sia un modo più razionale e giusto di utilizzarli che non distruggerli”, ha dichiarato Boroda in un comunicato stampa.

Fonte: Asianews tramite Planet360.info

Condividi su:

Puoi essere il primo a lasciare un commento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *